Questo sito utilizza cookie tecnici ed analytics, anche di terze parti, per monitorare funzionalità, login ed accessi al sito. Se continui a navigare accetterai l’uso di questi cookie.

×

Errore

There was a problem loading image EPBEAABEAABKYhgZgB9YZRfRQpw+oH8r4Y2uR5HIMACIAACIDAdCTgG9dQ+WOzgkMRigSE0uAcCIAACIAACExXAvE5wtOVAsoNAiAAAiAAAjUR+P8BLyxrkrkQ2vMAAAAASUVORK5CYII=.

CONFAPI informa: ABI proroga al 31 luglio 2018 l’accordo per il credito PMI

CONFAPI informa che l ’Accordo per il credito 2015, la cosiddetta “moratoria sui mutui per le PMI”, siglato da ABI e tutte le associazioni di categoria di imprese il 31 marzo 2015, in scadenza il 31 dicembre, grazie ai solleciti delle associazioni delle imprese e alla disponibilità mostrata dall’ABI, è stato prorogato al 31 luglio 2018.

Ricordiamo che l’accordo comprende una moratoria e un allungamento dei mutui (“Imprese in ripresa”), la riconferma di uno specifico plafond per il finanziamento dei progetti di investimento delle PMI (“Imprese in sviluppo”) nonché la costituzione di uno specifico plafond per lo smobilizzo dei crediti vantati dalle PMI nei confronti della PA (“Imprese e PA”).

Per quanto riguarda il progetto Imprese in ripresa”, le PMI che possono presentare domanda non devono avere posizioni debitorie classificate dalla banca come “sofferenze”, “inadempienze probabili” o esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni (imprese “in bonis”).

Il plafond di “Imprese in ripresa” riguarda gli investimenti che potranno essere oggetto di finanziamento sono quelli in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa (anche quelli relativi alla “Nuova Sabatini”). Il plafond potrà essere utilizzato anche per finanziare l’incremento del capitale circolante necessario a rendere operativi gli investimenti realizzati o in corso di realizzazione, oltre alla capacità operativa necessaria a far fronte a nuovi ordinativi.

Il plafond di “Imprese e P.A.” potrà essere utilizzato per sconto pro soluto, anche con garanzia dello Stato; anticipazione del credito con cessione dello stesso (realizzata anche nella forma dello sconto pro solvendo) nonché anticipazione del credito, senza cessione dello stesso.

Informazioni aggiuntive