Questo sito utilizza cookie tecnici ed analytics, anche di terze parti, per monitorare funzionalità, login ed accessi al sito. Se continui a navigare accetterai l’uso di questi cookie.

Accordo commerciale UE - Giappone: grande opportunità per le imprese italiane; le iniziative per l’internazionalizzazione delle PMI di ICE e CONFAPI

L’Unione Europea e il Giappone hanno raggiunto un’importante intesa con la firma di due accordi: uno di partenariato economico e uno di partenariato strategico, rafforzando così le relazioni bilaterali. Gli accordi si inseriscono in un contesto di relazioni economiche già piuttosto solide, che vedono le imprese europee esportare in Giappone beni per oltre 58 miliardi di euro e servizi per 28 miliardi di euro.

Il Giappone è infatti il sesto partner commerciale dell’Unione europea e, sulla base di quanto indicato dal rapporto SACE, la quindicesima destinazione dell’export italiano, con un valore di sei miliardi di euro di beni esportati nel 2016 (in particolare tessile e abbigliamento, meccanica strumentale, e altri beni di consumo, come prodotti in cuoio e pelle).

L’accordo di partenariato economico tra l’UE e il Giappone è il più grande mai negoziato dall’Unione europea. Crea una zona commerciale aperta che copre oltre 600 milioni di persone e quasi un terzo del PIL globale. Eliminerà una serie di dazi che le imprese della UE pagano per esportare in Giappone. Aprirà inoltre il mercato giapponese, forte di 127 milioni di consumatori, alle principali esportazioni agricole dell’UE e aumenterà le opportunità di esportazione dell’UE in una serie di altri settori.

L’accordo di partenariato strategico UE-Giappone fornirà anche un quadro generale e vincolante per una cooperazione rafforzata in una serie di settori quali la criminalità informatica, la gestione delle catastrofi, l’energia e la sicurezza, i cambiamenti climatici e l’invecchiamento della popolazione.

L’UE e il Giappone hanno deciso di riconoscere come “equivalenti” i rispettivi sistemi di protezione dei dati, il che permetterà alle informazioni di circolare in modo sicuro tra l’UE e il Giappone, creando il più grande spazio di circolazione sicura al mondo.

Per quanto riguarda infine i progetti di penetrazione commerciale nel mercato giapponese, stanti le opportunità derivanti dall’Accordo commerciale sopra ricordato, segnaliamo ai nostri Referenti che rimangono ancora pochi giorni per partecipare alla missione imprenditoriale di CONFAPI in Giappone: per farlo c'è tempo fino al 27 luglio p.v..

Organizzata per il prossimo novembre, all’interno delle attività del Gruppo MPMI dell’ICE, la missione ha come obiettivo quello di favorire i rapporti commerciali col mondo nipponico. La missione si terrà a Tokyo dal 13 al 15 novembre, con una tappa facoltativa, il 12 a Kyoto solo per le imprese produttrici di vino.

Il costo di partecipazione è di € 400,00 e restano a carico delle imprese le spese di viaggio e di pernottamento. Prima della missione si terrà a settembre, nella sede dell’ICE, una giornata formativa per le imprese partecipanti. La missione prevede: B2B con importatori, ristoratori, dettaglianti, GDO e giornalisti locali, evento di degustazione presso una location di alto livello e Store Market Check in alcuni punti vendita di Tokyo.

Il 12 novembre si svolgerà a Kyoto un workshop limitato al settore vini, durante il quale le aziende italiane potranno incontrare importatori, ristoratori, dettaglianti, GDO e giornalisti locali. Se si vorrà partecipare anche a tale evento, la quota sarà pari a € 800,00.

Gli interessati sono invitati ad inviare una e mail quale manifestazione d’interesse a:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e consultare attentamente la scheda tecnica di ICE allegata

Attachments:
Download this file (CIRCOLARE_MPMI Japan Export Pass..pdf)CIRCOLARE_MPMI Japan Export Pass..pdfGiuseppe Sciacca700 kB

Informazioni aggiuntive