Questo sito utilizza cookie tecnici ed analytics, anche di terze parti, per monitorare funzionalità, login ed accessi al sito. Se continui a navigare accetterai l’uso di questi cookie.

UNIONMECCANICA CONFAPI informa: nuove opportunità di business con il mercato cinese

UNIONMECCANICA CONFAPI ha incontrato una delegazione cinese della società TIAN QING POWER - TQP (http://en.tqpower.net) che rappresenta la controparte cinese dell’Associazione italo-cinese per la Promozione della Nuova Via della Seta della quale l’Associazione è tra i Soci Fondatori; le ragioni che hanno spinto Unionmeccanica-Confapi alla costituzione di questa Associazione risiedono nella necessità di poter costruire rapporti di alto livello con le autorità cinesi, condizione essenziale per sviluppare progetti di business.

La delegazione ha già ottenuto una lettera di patronage dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e nel corso del viaggio in Italia ha avuto incontri con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con il Ministero degli Affari Esteri. Inoltre la delegazione ha avuto modo di incontrare alcuni imprenditori associati sia presso la sede nazionale di Confapi a Roma sia presso le realtà locali di Torino e Brescia. Nel corso degli incontri è emerso che è possibile sviluppare rapporti con le associazioni delle piccole e medie imprese cinesi (China National Light Industry Council, China Enterprise Confederation, China Enterprise Directors Association, China Machinery Industry Federation ed altre) e sono stati presentati tre canali attraverso i quali le imprese italiane possono accedere al mercato cinese:

  1. E-Commerce. Questo canale è per i prodotti finiti del Made in Italy che mira ad utilizzare le agevolazioni governative per lo sviluppo del commercio online. C’è un accordo col portale JD.com (una sorta di Amazon cinese) per poter costituire un Padiglione Italia all’interno dello store online ed inserire i prodotti del Made in Italy. Serve quindi raccogliere le proposte delle nostre aziende interessate all’export del prodotto finito e per dare l’avvio al progetto c’è la disponibilità dei cinesi ad acquistare una campionatura da testare sul mercato cinese;
  2. Eco-Industrial Park. Sono parchi industriali di terza generazione votati al risparmio energetico, al rispetto dell’ambiente e all’economia circolare. Sono la destinazione privilegiata di investimenti diretti esteri di aziende che vogliono andare a produrre in loco per il mercato eurasiatico o per le aziende che hanno un livello tecnologico in grado di permettere un upgrade alle aziende cinesi, quindi per progetti di trasferimento tecnologico;
  3. Free Trade Zones. Sono aree speciali in cui ci sono azzeramenti delle imposte doganali e forti riduzioni fiscali che permettono ai prodotti (finiti e semilavorati) di entrare nel mercato. Le Free Trade Zones sono frequentate prevalentemente dai buyers ed hanno delle aree espositive che permettono la costituzione di showroom o flagship-store corner per le aziende italiane interessate ad allestire spazi fisici per i loro prodotti, ma usufruendo delle condizioni di privilegio (a partire dai bassissimi costi di allestimento) che l’accordo con i partner cinesi di TQP ci permette di avere. 

Per tutte le aziende presenti nel corso dei tre incontri: riceveranno una email di follow up sugli incontri effettuati.

Per tutte le aziende che non erano presenti agli incontri: vi preghiamo di inviare una mail di presentazione della vostra azienda, di presentazione dei vostri prodotti (unita al materiale idoneo in formato elettronico) e di specificare chiaramente quello che è il vostro business intent, ossia chiarire se il vostro interesse per il mercato cinese è relativo all’export/import dei prodotti, alla ricerca di partnership tecnologica, alla vendita di quote o di tecnologia. Più sarete sintetici e precisi, minore sarà la possibilità di errore ed incomprensione da parte loro rispetto ai vostri obiettivi. Potete inviare la documentazione all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

ATTENZIONE! Tutta la documentazione dovrà essere prodotta in cinese o in inglese. UNIONMECCANICA prevede che la realizzazione del progetto abbia un periodo di incubazione di 6-7 mesi ma ciò non esclude che si riesca a ridurre questa tempistica. 

 

Informazioni aggiuntive