Questo sito utilizza cookie tecnici ed analytics, anche di terze parti, per monitorare funzionalità, login ed accessi al sito. Se continui a navigare accetterai l’uso di questi cookie.

Ministero del Lavoro: ridefiniti i criteri per l’approvazione del trattamento di integrazione salariale ordinario

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 114 del 17 maggio 2022, iDecreto del 31 marzo 2022, con la ridefinizione dei criteri per l’approvazione del trattamento di integrazione salariale ordinario.  

Per il corrente anno 2022, in considerazione della grave crisi internazionale in atto in Ucraina, integra la fattispecie di crisi di mercato”  la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa derivante anche dall’impossibilità di concludere accordi o scambi determinata dalle limitazioni conseguenti alla crisi in Ucraina.  

Per quanto riguarda la fattispecie “mancanza di materie prime o componenti”, questa  sussiste anche quando sia riconducibile a difficoltà economiche, non prevedibili, temporanee e non imputabili all’impresa, nel reperimento di fonti energetiche, funzionali alla trasformazione delle materie prime necessarie per la produzione.

 

Informazioni aggiuntive