Questo sito utilizza cookie tecnici ed analytics, anche di terze parti, per monitorare funzionalità, login ed accessi al sito. Se continui a navigare accetterai l’uso di questi cookie.

Newsletter Relazioni Sindacali e Industriali in collaborazione con APINDUSTRIA Brescia; aggiornamento al 23 Ottobre 2018

Questi gli argomenti trattati nella newsletter, realizzata in collaborazione con i colleghi di APINDUSTRIA Brescia; gli Associati possono ricevere le schede tecniche di loro interesse inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

APPROFONDIMENTI

Premi di risultato: la decontribuzione in caso di coinvolgimento paritetico dei lavoratori (Circolare Inps n. 104 del 18/10/2018)

L’ Inps con la circolare n. 104 del 18 ottobre 2018 illustra le modalità di fruizione della riduzione contributiva, prevista dall’articolo 55 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, per i premi di produttività del settore privato.

L’articolo 55 del D.L n. 50/2017 ha modificato la normativa riguardante la tassazione agevolata dei premi di risultato introducendo, a determinate condizioni, una decontribuzione degli stessi. Precisamente, la novella di cui al citato articolo sopprime il massimale più elevato di premi detassati (4.000,00 euro), con la conseguente applicazione del limite generale di 3.000,00 euro, ed introduce, con riferimento ad una quota dei premi di risultato non superiore a 800,00 euro, le seguenti misure:

  1.  una riduzione, pari a venti punti percentuali, dell'aliquota contributiva IVS a carico del datore di lavoro;
  2. l'esclusione di ogni contribuzione a carico del dipendente;
  3. la corrispondente riduzione dell'aliquota di computo per il calcolo del trattamento pensionistico.

Istruzioni per i datori di lavoro

L’aliquota a carico del datore di lavoro su cui operare la riduzione dei venti punti è quella al lordo di eventuali agevolazioni, che andranno ad operare sulla contribuzione residua dovuta ed inoltre l’aliquota IVS da valutare ai fini della riduzione è quella in vigore nel mese di corresponsione del premio agevolabile (principio di cassa). Altresì, alla luce della decontribuzione IVS e della collegata indicazione normativa ai fini del calcolo pensionistico, il premio che fruisce del beneficio in esame non va considerato nella determinazione della retribuzione ai fini pensionistici. Parallelamente non va computato ai fini del raggiungimento del massimale annuo della base contributiva e pensionabile, previsto dalla legge n. 335/95.

Resta dovuta anche la contribuzione ai Fondi di solidarietà previsti dagli articoli 26 e seguenti del D.lgs n. 148/2015, in quanto ai sensi dell’articolo 33, comma 4, del medesimo decreto legislativo le disposizioni relative agli sgravi contributivi non si applicano ai contributi di finanziamento a tali Fondi.

Altresì si evidenzia che l’agevolazione contributiva è da considerarsi annuale e, conseguentemente, qualora un lavoratore abbia stipulato più rapporti di lavoro, il beneficio contributivo potrà essere usufruito dal successivo datore di lavoro fino ad esaurimento del plafond di 800 euro di premio (cfr. la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 5/E/2018). A tal fine il lavoratore deve comunicare al proprio datore di lavoro la quota di premio di produttività, ricevuto nel medesimo anno da un diverso datore, che fruisce della decontribuzione di cui all’articolo 55 del D.L. n. 50/2017.

Per la sistemazione dei premi erogati nei mesi trascorsi e aventi titolo alla riduzione contributiva, al fine di consentire il recupero della maggiore contribuzione versata, le aziende dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (UNIEMENS/VIG) per i mesi di erogazione del premio non precedenti a maggio 2017.

Premi di risultato: come applicare correttamente il regime agevolato (Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 78/E del 19/10/2018)

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 78/E del 18 ottobre 2018, fornisce alcuni chiarimenti in merito alla possibilità di detassare un premio di risultato una volta raggiunto l’obiettivo della redditività, individuato nel valore dell’EBIT.

La risoluzione specifica che non è sufficiente che l'obiettivo prefissato dalla contrattazione di secondo livello sia raggiunto, dal momento che è altresì necessario che il risultato conseguito dall'azienda risulti incrementale rispetto al risultato antecedente l'inizio del periodo di maturazione del premio. Il requisito dell'incrementalità, rilevabile dal confronto tra il valore dell’obiettivo registrato all’inizio del periodo congruo e quello risultante al termine dello stesso, pertanto, costituisce una caratteristica essenziale dell'agevolazione.

Qualora pertanto si rilevi che l’erogazione del premio di risultato non è subordinata al conseguimento di un risultato incrementale, l’erogazione dello stesso non potrà fruire del regime fiscale agevolato.

Nuove funzionalità per interventi di cassa integrazione guadagni: Con il messaggio n. 3566 del 28 settembre 2018, l’ Inps informa circa la modifica di alcune funzioni delle procedure informatiche per quanto riguarda la CIGO e la CIGS.

NORMATIVA

  • Nuove misure di accesso alla cassa integrazione guadagni straordinaria per le aziende in crisi: il Decreto-Legge 28 settembre 2018, n. 109 introduce, con l’articolo 44, la possibilità del ricorso all’intervento dell’integrazione salariale straordinaria per quei lavoratori dipendenti da aziende che abbiano cessato o stiano cessando l’attività produttiva alla presenza di determinate condizioni.
  • Decreto dignità : la delocalizzazione; la Legge. 96/2018, pubblicata sulla G.U. n. 186/2018, di conversione del D.L. 87/2018 ha voluto contrastare quei fenomeni legati alle imprese che, ricevuti gli aiuti di Stato, provvedano a delocalicalizzare

CONTRATTUALISTICA

Il Nuovo Regolamento di Enfea per le aziende che applicano i contratti collettivi sottoscritti da CONFAPI; per tutte le aziende che applicano i CCNL sottoscritti da UNIONCHIMICA, UNIONTESSILE, UNIGEC, UNIMATICA, UNIONALIMENTARI, UNITAL, CONFAPI ANIEM (escluso il comparto edile), si comunica che è in vigore il Nuovo Regolamento per le prestazioni riferibili ad eventi intervenuti a partire dal 1 luglio 2018.

 

Informazioni aggiuntive